Seleziona una pagina

L’aglianico è un vitigno a bacca rossa coltivato soprattutto nel Sud Italia.

Sinonimi e cloni

  • Sinonimi: agliatica, ellenico, gnanico/a, uva aglianica, uva dei cani, uva nera.
  • Cloni: aglianicone, aglianichello, aglianico femmina, aglianicuccia, aglianico mascolino, san severino, zerpoluso sono delle sottovarietà dell’aglianico con alcune caratteristiche comuni.

Aglianico: Caratteristiche

della pianta

  • Aspetto: foglia media, appena cuneiforme, pentalobata, con lobi poco accentuati; pagina superiore di color verde bottiglia, opaca, con nervature verdi e glabra; pagina inferiore verde chiaro, lanuginosa, con nervature sporgenti ricoperte da un fitto tomento, dentature irregolari. Picciolo medio.
  • Maturazione: III decade di settembre. Grappolo di media grandezza, semplice o alato. Acino di grandezza media, sferoide. Buccia di colore blu, con la buccia spessa e coriacea ricoperta di abbondante pruina. Polpa succosa e acidula di sapore semplice con succo incolore.
  • Produttività: molto abbondante.
  • Vigoria: buona. Complessivamente facile da allevare grazie alla sua discreta adattabilità ai diversi sistemi di potatura e allevamento.
  • Resistenza alle avversità: resiste all’oidio, ma è sensibile alla peronospora. Alto rischio di marciume dell’uva se gli autunni sono umidi e/o piovosi.
Aglianico
La foglia © Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

del vino prodotto

  • Esame visivo: rosso rubino profondo che tende al granato e diventa aranciato quando invecchia.
  • Esame olfattivo: intenso, caratteristico, fruttato, speziato ed etereo. Note di marasca, prugna, viola, mandorla, pepe nero e cuoio.
  • Esame gusto-olfattivo: pieno, tannico, caldo, piacevolmente fresco, molto strutturato,  asciutto e con una grande persistenza.

Zone di coltivazione

  • Italia: (zone idonee e consigliate) Molise, Puglia; (zone idonee) Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Sardegna, Sicilia, Umbria.
  • Mondo: nessuna.

Aglianico: Vini italiani DOCG e DOC dove è ammesso

  • DOCG: Aglianico del Taburno, Aglianico del Vulture Superiore, Taurasi.
  • DOC: Aglianico del Vulture, Biferno, Campi Flegrei, Castel del Monte, Cilento, Costa d’Amalfi, Falerno del Massico, Galluccio, Irpinia, Menfi, Molise, Penisola Sorrentina, Sannio, Savuto, Scavigna, Terre di Cosenza, Vesuvio.

Fonti:

© Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Catalogo Nazionale delle varietà di vite.

© Bassi C., Sommelier: il manuale illustrato, Cammeo DiVino, Monte Isola, 2022, pp. 130-131 

error: Questo contenuto è protetto da copyright ©Chiara Bassi perlagesuite.com