Seleziona una pagina

Il pinot bianco è un vitigno a bacca bianca.

Sinonimi e cloni

  • Sinonimi: borgogna bianco, burgunder, pineau, weißburgunder.

Pinot bianco: caratteristiche

… della pianta

  • Aspetto: foglia media, pentagonale, tondeggiante e praticamente intera, seno peziolare aperto a U. La pagina superiore è glabra, bollosa e di colore verde cupo lucido. La pagina inferiore è aracnoidea e di colore verde opaco. Picciolo corto, medio, glabro e di colore verde con striature rosso cupo.
  • Maturazione: metà settembre. Grappolo piccolo (lungo circa 12 cm), cilindrico, spesso alato e compatto. Acino piccolo, sferoide, di forma non troppo regolare. Buccia sottile e tenera, poco pruinosa, punteggiata e di colore giallo dorato. Polpa succosa e di sapore semplice, molto dolce e poco acida.
  • Produttività: discreta e regolare.
  • Vigoria: buona.
  • Resistenza alle avversità: normale all’oidio e alla peronospera, ma è sensibile agli attacchi di marciume.
Vitigno picolit
La foglia © Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

… del vino prodotto

  • Esame visivo: colore giallo paglierino più o meno intenso.
  • Esame olfattivo: abbastanza intenso e fruttato. Riconoscimenti di mandorla, sasso bagnato, pera, pesca bianca, buccia di limone.
  • Esame gusto-olfattivo: fresco, morbido, alcolico, strutturato e equilibrato.

Zone di coltivazione

  • Italia: (zone idonee e consigliate) Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Puglia, Valle d’Aosta, e province di Belluno, Padova, Trento, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza; (zone idonee) Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e province di Bolzano, Caserta e Rovigo.
  • Mondo (in ordine di quantità): Germania (Baden, Pfalz); Italia; Austria (Bassa Austria: Niederösterreich; Stiria: Steiremark); Francia (Alsazia); Russia (Valle del Don); Slovenia (Posavje).

Pinot bianco: vini italiani DOCG e DOC dove è ammesso

  • DOCG: Colli di Conegliano, Franciacorta, Oltrepò Pavese Metodo Classico, Rosazzo.
  • DOC: Alto Adige o dell’Alto Adige (in tedesco Südtirol o Südtiroler), Arcole, Bianco di Custoza o Custoza, Bianco di Pitigliano, Breganze, Colli Altotiberini, Colli Berici, Colli Bolognesi, Colli del Trasimeno o Trasimeno, Colli di Faenza, Colli di Parma, Colli di Scandiano e di Canossa, Colli Euganei, Colli Perugini, Colli Pesaresi, Colli Romagna Centrale, Colli Tortonesi, Collio Goriziano o Collio, Corti Benedettine del Padovano, Curtefranca, Friuli Aquileia, Friuli Annia, Friuli Colli Orientali, Friuli Isonzo o Isonzo del Friuli, Friuli Latisana, Gambellara, Garda, Garda Colli Mantovani, Lison Pramaggiore, Lizzano, Merlara, Molise o del Molise, Monreale, Montecarlo, Montello – Colli Asolani, Monti Lessini, Oltrepò Pavese, Piemonte, Pomino, Riviera del Brenta, Salice Salentino, Scavigna, Terre del Colleoni o Colleoni, Trentino, Trento, Val d’Arbia, Valcalepio, Valdadige, Valdichiana Toscana, Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste, Vicenza, Vigneti della Serenissima o Serenissima, Friuli o Friuli Venezia Giulia (in lingua slovena Slovena Furlanjia o Furlanjia Juliska Krajna).

Fonti:

© Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Catalogo Nazionale delle varietà di vite.

© Bassi C., Sommelier: il manuale illustrato, Cammeo DiVino, Monte Isola, 2022, pp. 165-166

error: Questo contenuto è protetto da copyright ©Chiara Bassi perlagesuite.com