Seleziona una pagina

Il verdicchio è un vitigno a bacca bianca autoctono delle Marche (Italia).

Sinonimi e cloni

  • Sinonimi: verdello, verdicchio bianco, verduschia. Altri: verdone, trebbiano verde. Ci sono poi una serie di modi territoriali di chiamarlo con aggettivi qualificativi (es. verdicchio verde, verdicchio giallo, verdicchio stretto, verdicchio peloso…) che non possono essere considerati veri sinonimi.

Verdicchio: caratteristiche

… della pianta

  • Aspetto: foglia media, trilobata o pentalobata, poco consistente, orbicolare o pentagonale, con seno peziolare ellissoidale chiuso con margini sovrapposti. La pagina superiore è bollosa e di colore verde quasi scuro. La pagina inferiore è cotonosa e di colore verde chiaro. Picciolo lungo, schiacciato,  mediamente grosso e glabro.
  • Maturazione: prima decade di ottobre. Grappolo medio o grande, conico,   spesso alato, serrato o semi-serrato, compatto. Buccia sottile, pruinosa e consistente di colore verde-giallastro. Acino medio, rotondo e regolare. Polpa sciolta o quasi molle di sapore semplice e zuccherino.
  • Produttività: scarsa e incostante.
  • Vigoria: da media a ottima.
  • Resistenza alle avversità: sensibile all’oidio, al marciume, alla peronospera.
Vitigno verdicchio
La foglia © Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

… del vino prodotto

Un interessante vitigno che va saputo gestire per non eccedere nell’alcolicità e nelle note vegetali. Si presta bene anche alla spumantizzazione. Se sottoposto ad affinamento acquisisce interessanti note di salamoia.

  • Esame visivo: giallo paglierino più o meno intenso con riflessi verdolini.
  • Esame olfattivo: intenso, fine ed elegante con note fruttate, floreali, erbacee e minerali. Se sottoposto ad un affinamento in legno diventa piacevolmente complesso e si arricchisce di note tostate in cui spicca la mandorla.
  • Esame gusto-olfattivo: sapido, fresco, alcolico, morbido, persistente.

Zone di coltivazione

  • Italia: (zone idonee: Abruzzo, Calabria, Emilia-Romagna, Lazio, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria.
  • Mondo (in odine di quantità): Italia; Brasile; Argentina.

Verdicchio: vini italiani DOCG e DOC dove è ammesso

  • DOCG: Castello di Jesi Verdicchio Riserva, Verdicchio di Matelica Riserva.
  • DOC: Colli Lanuvini, Colli Maceratesi, Colli Pesaresi, Controguerra, Esino, Marino, Montecompatri – Colonna o Montecompatri o Colonna, Velletri, Verdicchio dei Castelli di Jesi, Verdicchio di Matelica, Zagarolo.

Fonti:

© Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Catalogo Nazionale delle varietà di vite.

© Bassi C., Sommelier: il manuale illustrato, Cammeo DiVino, Monte Isola, 2022, pp. 182-183

error: Questo contenuto è protetto da copyright ©Chiara Bassi perlagesuite.com