Grazie ad un conoscente americano ho imparato a fare a casa delle perfette costine bbq ribs al forno (ovviamente parlo delle costine di maiale), poi ho perfezionato la ricetta bbq ribs e devo dire che adesso sono davvero soddisfatta! In estate sale la voglia di fare un barbecue con  gli amici, soprattutto in un bel luogo fresco o in spiaggia… ma spesso non abbiamo questa possibilità e ci dobbiamo accontentare del nostro forno di casa nella nostra caldissima città! Il risultato però può essere davvero simile all’originale… quindi che ne dici di imparare subito come preparare delle squisite costine bbq in forno grazie alla mia ricetta?

Per prima cosa voglio fare una precisazione sulla cottura barbecue (BBQ) e sulla differenza con la cottura alla griglia, poi mi concentrerò su come preparare le costine bbq ribs (meglio ancora le costine marinate).

La vera cottura barbecue, chiamata anche cottura indiretta, cuoce le carni molto lentamente  perché il cibo non è direttamente esposto alla fonte di calore (fuoco, brace…) che raggiunge circa i 120 °C e per questo può durare molte ore. La bontà del risultato dipende, oltre che dalla qualità della materia prima, dalla marinatura delle carni più che dall’abilità di chi cucina perché la carne non rischia di bruciare (data la bassa temperatura)  come nella cottura alla griglia. Essendo una cottura gentile il risultato sarà carni tenerissime e succose dove la “crosticina” superiore dipenderà dalla marinatura e dalle varie spennellate di salsa BBQ.

La cottura alla griglia, chiamata anche cottura diretta, cuoce le carni molto velocemente perché il cibo è direttamente esposto alla fonte di calore (fuoco, brace…) che raggiunge anche i 250 °C e posto ad una distanza relativamente limitata. Il risultato è in funzione della materia prima e dell’abilità di chi cucina di non bruciare la carne. Essendo una cottura aggressiva, la crosta superficiale dipende dalla vicinanza con il calore e le carni risultano più asciutte perché il grasso “cade” nella griglia.

Cosa serve per marinare le costine di maiale?

  • 1,5 kg di costine di maiale
  • 0,75 litri di birra artigianale (affumicata)
  • 2 spicchi d’aglio fresco
  • 10 grani di pepe nero
  • 3 chiodi di garofano
  • 1 rametto di rosmarino fresco
  • 1 peperoncino

Cosa serve per preparare il Dry Rub (massaggio secco)?

  • 2 cucchiai di sale fino
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • 6 cucchiai di paprika dolce
  • 1 cucchiaio di aglio in polvere
  • 1 cucchiaio di senape in polvere
  • 1 cucchiaio di pepe nero macinato
  • peperoncino a piacere

La mia ricetta delle costine di maiale BBQ ribs:

  1. in un contenitore ermetico posare le costine e ricoprire di birra artigianale (la quantità di birra dipende dalle dimensioni del contenitore, se ne hai uno in cui le costine stanno di misura te ne serve circa 1 bottiglia da 0,75 litri;
  2. aggiungere 1 spicchio d’aglio fresco schiacciato, 1 peperoncino fresco, 1 rametto di rosmarino e i chiodi di garofano;
  3. lasciare marinare in frigo per tutta la notte, la mattina togliere la birra e massaggiare le costine con il dry rub precedentemente preparato mescolando gli ingredienti, pressare per fare aderire bene e lasciare riposare in frigo per almeno 2 ore prima di cuocere;
  4. accendere il forno statico a 100°C e nella placca inserire la carta forno tagliata a misura porre le costine, lo spicchio d’aglio schiacciato e il rosmarino;
  5. dopo circa 3 ore spennellare di salsa barbecue con piccoli passaggi, facendo attenzione a non staccare il dry rub dalle costine di maiale e lasciare cuocere un’altra ora;
  6. controllate la cottura con uno stuzzicadenti: se la carne si separa perfettamente dall’osso vuol dire che è il momento di spegnere il forno e servire!

Visto come è facile? Prova subito la mia ricetta delle costine alla birra e vedrai che non avranno niente da invidiare alle originali costine barbecue americane! E fammi sapere in un commento come sono venute 😉

A presto,

Chiara

P.S. Come sempre ringrazio Valentina Epifani di DAG Style per i bellissimi sottopiatti e sottobicchieri in sughero naturale: li adoro! ??

P.P.S. Ho abbinato la prima volta la birra artigianale della Val Cavallina mentre ieri sera la birra artigianale Curtense della Franciacorta… ho preferito la seconda ma sono entrambe molto valide. E a te che birre artigianali piacciono? Hai qualcosa da consigliarmi? Grazie 🙂

Hai già scaricato l'estratto gratuito della mia Guida Vini Spumanti 500 bolle in 500?

Iscriviti alla mia Newsletter per ricevere sulla tua mail tutte le degustazioni delle migliori bollicine dell'Alto Adige!

Ti ho inviato una mail di conferma! Se non l'hai ricevuta controlla per favore anche nella posta indesiderata! Da lì potrai scaricare l'estratto della mia Guida Vini Spumanti 500 bolle in 500 Ed. 2018!

Shares
Share This