Oggi voglio darti la mia ricetta delle linguine con gamberi, melanzane, scalogno e origano… con un bel Franciacorta in abbinamento! Chi mi conosce mi chiede come faccio a sentire così tanto i profumi ed i sapori degli alimenti e credo che questo dipenda prima di tutto dal fatto che annuso tutto da quando ero piccola, poi  dal fatto che mi sono abituata a mangiare senza sale aggiunto perché mio papà aveva la pressione alta e quando vivevo ancora a casa con i miei genitori eravamo molto attenti… per questo, in onore della Festa del Papà, ho deciso di creare questa ricetta… sana e light e per questo adatta a tutti (tranne a chi è allergico ai crostacei).

Questa ricetta ha anche un’altro dono: costa davvero poco! Prepararla per 2 persone costa meno di 5 €… incredibile vero?

Ingredienti per 2 persone (mediamente affamate, può fare da piatto unico!):

  • 200 grammi di linguine Afeltra (non usarne assolutamente altre perché non avrai lo stesso risultato! La distribuzione degli amidi, la consistenza e lo spessore di questa pasta è straordinaria!) – ho pagato il pacco 1.55 € quindi sono 0.62 €
  • 1 scalogno – ho pagato 4 scalogni 0.89 €, quindi uno costa 0.22 €
  • 90 grammi di filetti di melanzane – ho pagato 280 grammi 1.15 €, quindi questa quantità costa 0.38 €
  • 8 gamberi argentini – ho pagato 400 grammi 4.99 € (in offerta) ed erano 12 in tutto quindi sono 3.32 €
  • 4 fette di lardo tagliate sottilissime – ho pagato 100 grammi 0.99 €… 4 fette saranno stati 0.10 €
  • fiori di floregano Koppert Cress 6 pezzi – non so quanto costano perché ho un campioncino che ho scoperto a identità golose… anzi adesso voglio scoprire come averne degli altri perché sono straordinari!
  • origano fresco qb
  • pepe qb

.

Preparazione:

  1. Metti su l’acqua per la pasta. Nel frattempo lava bene i filetti di melanzane (io ho usato quelli in olio di girasole) e togli l’intestino nero dai gamberi e sgusciali, lasciandone 2 interi (con la testa e tutto);
  2. taglia lo scalogno a fettine sottilissime e stufalo con un po’ d’acqua bollente (quella che hai messo su per la pasta), poi spadella 2-3 minuti le melanzane con lo scalogno. Togli dalla padella e metti in una ciotola.
  3. scotta i gamberi 2 minuti per lato, poi conserva quelli interi e altri 2 gamberi e avvolgili nelle 4 fette sottili di lardo, mentre gli altri 4 li tagli a pezzetti abbastanza piccoli;
  4. appena l’acqua bolle sala e butta le linguine e lasciale bollire 5 minuti. Intanto metti le 6 teste dei gamberi nella padella con un mestolo d’acqua bollente (quella della pasta). Aggiungi le linguine e risottale, aggiungendo un mestolo d’acqua bollente ogni volta che l’acqua sta per asciugarsi fino a fine cottura. Aggiungi una grattata di pepe nero e origano fresco a piacere.
  5. Togli le teste dei gamberi, aggiungi il composto di melanzane e scalogno e i gamberi a pezzetti e ancora un mestolo d’acqua bollente. Quando l’acqua sta per asciugarsi aggiungine ancora e poi quando si asciuga nuovamente è pronto. Ricordati di assaggiare per la consistenza della pasta!
  6. Metti in un piatto bianco e aggiungi i fiori di origano e i gamberi interi che hai tenuto in caldo.

Facile no? Se non hai mai risottato la pasta magari subito ti sembrerà un pochino complicato, ma come ci prendi la mano è davvero facilissimo! E il risultato è garantito! Inoltre questo tipo di cottura ti consente di non aggiungere sale al condimento perché l’acqua della pasta è già salata. Risottare la pasta crea quella bella cremina che non è altro che il frutto degli amidi, e per questo insisto su una pasta di Gragnano di ottima qualità come Afeltra!

Questo piatto ha una forte tendenza dolce per via dei gamberi, dello scalogno e delle melanzane e una spiccata aromaticità derivata dall’origano e dai suoi fiori, per questo ho abbinato un Franciacorta DOCG Millesimato non dosato di Cola Battista.

franciacorta-cola-battista-linguine-gamberi-melanzane-abbinamento-cibo-vino

Questo vino si presenta di un bel giallo dorato intenso, con un perlage fine e persistente, il naso è di crosta di pane e in bocca scende morbido e burroso. Stefano Cola quando sono andato a visitarlo in cantina mi ha sboccato una bottiglia della nuova annata, la 2011, e mi ha commossa! Vorrei bere solo Franciacorta appena sboccato, senza aggiunte *_*

Buona festa del papà al mio adorato papino anche se ora è lontano e non se la può mangiare… ma dato che siamo collegati dal filo del cuore se la mangio io è la stessa cosa, no? 😀

A presto e lasciami un commento se ti fa piacere per dirmi se hai provato a fare questa ricetta o se ti è piaciuta!

Chiara

Come diventare sommelier

(62 recensioni dei clienti)

Tutto quello che c’è da sapere sul vino in un solo libro. Il manuale è pensato per tutti gli aspiranti sommelier, ma è utilissimo anche per i “già sommelier” che vogliono ripassare, per i winelover che vogliono cominciare a dare basi concrete alla loro passione e per gli operatori di settore che vogliono guadagnare di più imparando sia a gestire la cantina del loro ristorante sia a vendere la bottiglia giusta ai loro clienti.

II Edizione: 1 dicembre 2019 – formato 16,5 x 24 cm, 430 pagine in bianco e nero, ISBN 978-88-943070-8-5 [IN VENDITA]

I Edizione: 31 ottobre 2018, formato 16,5 x 24 cm, 300 pagine in bianco e nero – ISBN 978-88-943070-1-6 [ESAURITO]

 34,00 IVA inclusa!

Svuota

IN OMAGGIO, solo per chi compra il mio libro su Perlage Suite, una copia della Prima Edizione da Collezione della mia Guida Vini Spumanti "500 Bolle in 500", prezzo di copertina 25,30 €.

ItalianoEnglishDeutschFrançaisEspañolNederlandsPortuguêsРусский日本語简体中文