Avrei voluto raccontarti prima questa bellissima esperienza, ma sono stati davvero giorni di fuoco tra il lavoro e l’università! Eccomi finalmente a parlarti della seconda tappa del mio week end toscano e dell’azienda che forse mi ha fatto innamorare di più. Forse, non lo so, perchè è stata davvero tutta un’esperienza bellissima e ringrazio Maddalena Mazzeschi per questo. Podere Conca è un gioiello incastonato in quel museo a cielo aperto che è Bolgheri, un luogo che merita il rispetto di ogni winelovers. Altro che foto di culi all’aria, anche se di un certo spessore. Siamo in un’era dove la provocazione è tornata di moda e certi miei colleghi osano mettere merda nei social a mo di Manzoni. No, non parlo di quello dei Promessi Sposi, piuttosto di quell’artista-fenomeno che nel 1961 sigillò 90 barattoli e li etichettò con la scritta “Merda d’artista. 30g” e poco più. Li battezzò a 300g d’oro e voilat, l’opera d’arte è servita. E nel 2016 un collezionista ha pagato il barattolo numero 69 la bellezza di una volta e mezzo casa mia. Comunque la loro merda fotografata piace, quindi per me hanno ragione loro, esattamente come aveva ragione Manzoni.

podere conca vino bolgheri vini toscani

Torniamo però a parlare di cose più piacevoli e profumate come il vigneto giardino di Podere Conca. Podere Conca è un casolare incantato con quelle tre finestre rosse così espressive e uniche da diventare un logo che mi è piaciuto tantissimo. Non avevo mai visto un vigneto così bello come quello che circonda il casolare. Quanta cura e perfezione, quanta armonia tra natura e costruito!

podere conca vino bolgheri vini toscani

Un’amicizia legò mia nonna materna, Graziella Cedraschi, donna prodigiosa e lungimirante, a Luciana Aloisi, madre di Livio e di Giulia, quest’ultima sposa di Nicolò Incisa della Rocchetta. Da lì iniziò uno scambio di amore affettuoso che continua oggi con altri volti, altri nomi. Fu quindi quell’amore, per primo, a indirizzare i miei nonni verso questa terra che in alcuni luoghi si lega all’Africa che tanto rappresentò le fortune e le tragedie dei primi protagonisti di Bolgheri.

podere conca vino bolgheri vini toscani

Ma iniziò soprattutto l’attaccamento a quei reami magici fatti di ulivi santificati e di vigneti divenuti sacri: quasi immortali. L’amore suggellò contratti di cessione e prolungò il nostro vivere in Toscana. La casa di Bolgheri divenne il gioco delle nostre estati di bambini, diventò la meta dei viaggi di noi adolescenti e il luogo preferito dove vivere il sole che da maremmano si fa globo di tutti i mondi… soprattutto fu teatro senza sipario delle amicizie più franche.

Giovanni Gastel Jr

podere conca vino bolgheri vini toscani

Ci sono piante che sembrano sculture, sacre anch’esse in queste terre che raccontano la storia di un luogo divenuto immortale grazie al lavoro di queste donne e questi uomini così speciali. Sì, speciali, perchè custodire un gioiello è normale, ma crearlo e renderlo così prezioso è proprio solo di menti illuminate. E io mi auguro nel tempo di essere all’altezza di fare la stessa cosa con le mie parole e la mia volontà di farle riecheggiare nel cuore di chi sa amare il vino e il cibo profondamente.

podere conca vino bolgheri vini toscani

Dopo aver visitato i vigneti siamo giunti in cantina, dove ho trovato queste splendide botti in cemento tulip rosse. Ricordo di averle viste in tantissime cantine di Bordeaux, da Château Beychevelle a Château Kirwan, ma in entrambi erano di colore grigio. Le adoro, come adoro i vini che fanno un passaggio in cemento.

podere conca vino bolgheri vini toscani

Podere Conca conduce i vigneti e l’uliveta secondo le antiche tradizioni e l’agricoltura biologica. C’è tanto amore e tanta cura in ogni dettaglio e l’approccio scientifico di Silvia Cirri, CEO di Podere Conca, si vede anche e soprattutto nelle scelte fatte in cantina.

podere conca vino bolgheri vini toscani

Questa perfezione non può essere casuale. E infatti il cuore è lei, Silvia Cirri, CEO e socio di maggioranza di questo gioiellino di Bolgheri nel fine settimana e primario di Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva dell’Istituto Clinico Sant’Ambrogio del Gruppo San Donato di Milano durante la settimana. Nel frattempo è riuscita anche a fondare una Onlus per i bambini cardiopatici nel mondo. Io sono semplicemente ammirata. Silvia non è sola: con lei c’è un gentiluomo di campagna suo grande amico Livio Aloisi, che prima di abbracciare questa avventura ha lavorato a Bolgheri con il cognato Nicolò Incisa della Rocchetta e suo padre Mario, produttori del famoso Sassicaia. E poi ci sono il nipote Giovanni Gastel Jr, nipote anche del celebre fotografo e del regista Luchino Visconti. La figlia di Silvia, Virginia Archinto Rocca Saporiti non ha solo un nome importante tra le famiglie della nobiltà milanese, ma è anche la Content Producer Manager di Bulgari e per Podere Conca cura l’immagine. E la figlia di Livio, Flavia Aloisi, una donna splendida che in questa foto è tra Silvia e mio marito Francesco. Infine Manuela Gastel, moglie di Giovanni Gastel Jr, si occupa del commercio estero. Insomma, Podere Conca è la storia di una grande amicizia, quella di Silvia Cirri e Livio Aloisi e delle loro famiglie che si intrecciano.

Poi ci sono i collaboratori, tra cui cito Linda Franceschi, agronoma e Simonetta Carboneschi, la chef che coccola Silvia quando scende in cantina… e ha coccolato anche noi!

podere conca vino bolgheri vini toscani

Dopo la visita in cantina siamo tornati al casolare per il pranzo e la piscina mi faceva una voglia… io ormai sono viziata, nel residence dove vivo abbiamo una piscina splendida vista lago e ormai ammetto di non poterci vivere senza. Attualmente si sta riempiendo perchè abbiamo cambiato l’acqua e fino a martedì dovrò resistere dal lanciarmici dentro!

podere conca vino bolgheri vini toscani

Iscriviti alla mia newsletter o scorri la pagina per continuare la lettura dell’articolo! 😉

Ultimamente so di dirlo spesso, ma i vini bianchi che mi stanno convincendo di più – salvo rare eccezioni – sono quelle che esulano dalle terre normalmente vocate a questa tipologia. Ed è così che spicca la Toscana, nel firmamento del vino bianco italiano e regala perle inaspettate. Elleboro è esattamente questo, con i suoi profumi decisi in cui le note agrumate ed “albicoccose” del viognier incontrano i profumi caratteristici del sauvignon per poi smussarsi nella burrosità dello chardonnay. Sapido al punto giusto, strutturato quanto basta per donargli grande versatilità di abbinamento. E come il Bolgheri rosso Agapanto costa troppo poco per quanto è buono.

podere conca vino bolgheri vini toscani

Agapanto è un piccolo gioiello di vino Bolgheri e quando ho scoperto che costa 18 € non potevo crederci. Ti ho già parlato di questo vino straordinario in questo articolo un paio di mesi fa, quando l’ho abbinato a una bistecca meravigliosa. Mi piace tantissimo! Anche con questo secondo si è abbinato magnificamente e in particolare le verdure erano deliziose!

podere conca vino bolgheri vini toscani

Dopo un pranzo squisito vedere una cheese cake al cioccolato arrivare è una grande gioia! Poi era davvero squisita e ne ho mangiate tre fette. E l’avrei sbranata letteralmente tutta! Fantastica! La panna freschissima e la ganache al cioccolato perfetta. Un dolce semplice eseguito a regola d’arte. A quando un vino passito da abbinarci? 😍

podere conca vino bolgheri vini toscani

Grazie di cuore a tutte queste splendide Donne per avermi regalato un compleanno meraviglioso, in un vigneto giardino, del mio colore preferito e con il mio dolce preferito. Podere Conca è davvero un gioiello nel cuore dei vini toscani che merita di essere scoperto da quanti più winelovers possibili.

Cheers 🍷

Chiara

Come diventare sommelier

Tutti i miei appunti sul vino e sul cibo in un solo libro.

(71 recensioni dei clienti)

 34,00 IVA inclusa!

Disponibile (ordinabile)

IN OMAGGIO, solo per chi compra il mio libro su questo blog, una copia della Prima Edizione da Collezione della mia Guida Vini Spumanti "500 Bolle in 500", prezzo di copertina 25,30 €. [Fino ad esaurimento scorte]

error: Questo contenuto è protetto da copyright ©Chiara Bassi perlagesuite.com