Stamattina sveglia all’alba… dopo una notte di sonno molto agitato, mi sono alzata dal letto alle 6. La bellezza del mio lavoro è sicuramente che posso gestirmi gli orari in totale autonomia, ma devo dire che alzarsi così presto ha i suoi vantaggi perché hai l’intera giornata davanti… e poi vedere l’alba sul lago è davvero meravigliosa! (Vedi la foto in copertina… senza filtri!!) Altra fortuna è che a quell’ora posso stare un’ora al telefono con Marco, tanto lui vive a Perth in Australia e ci sono 6 o 7 ore di fuso orario! Comunque ora sono le 8 e Paco è ancora a letto!

Volevo uscire a farmi un giro in bici dato che voglio prendere questa sana abitudine mattutina, ma mi sono ricordata che i proprietari di casa stanno ristrutturando il solarium e oggi rimuovono la copertura e non posso raggiungere il box… meglio così, non vedo l’ora di prendere il sole sulla terrazza sul lago 😉

lovere-arcobaleno-tramonto-lago-iseo

La natura è davvero meravigliosa: due sere fa dopo poche gocce di pioggia mi ha riservato uno spettacolo cromatico unico: due arcobaleni stupefacenti che ho voluto ammirare bevendo un calice di Sauternes Château de Rayne Vigneau 2006… meraviglioso! Il mio debole per i vini muffati è cosa nota, ma devo dire che questo con un formaggio erborinato è qualcosa di sublime! Peccato che non avevo quella tipologia di formaggio in casa da abbinarci… ma ho ripiegato su un cacciatorino d’asina che ho comprato da Polastri 2 giorni dopo e devo dire che è stato un’abbinamento davvero sorprendente! (Invece con l’arcobaleno è stato abbinato ad un’ottima fontina… sono stata ad Aosta per lavoro la scorsa settimana con Alessandro e ne abbiamo approfittato!) A proposito, hai già visto l’ultimo sito web che ho realizzato TASTEvie.com? Ti piace?

La carne di asino è di colore scuro e dolcissima, con una nota aromatica marcata grazie anche alle spezie con cui è condita e molto persistente. Sinceramente ha poco da spartire con il sapore del salame più industriale e comune, e con questa tipologia di vini a mio avviso si sposa alla perfezione. Sicuramente un abbinamento insolito con il Sauternes che è preferito con i formaggi (io lo amo molto anche con i gamberi se servito intorno agli 8°), ma da provare assolutamente!

sauternes-chateau-de-rayne-vigneau-abbinamento

Questo Sauternes è un blend di uve Sémillon (80%) e Sauvignon Blanc (20%) e nasce da vigneti che hanno più di 30 anni. I suoli di questa zona sono preziosi sia per la vite che per gli uomini: calcareo argillosi, con sabbie e ghiaia, sono ricchi di ametiste, agate, onice e zaffiri. Le uve sono aggredite dalla Botrytis Cinerea, la muffa nobile, che contribuisce alla concentrazione degli zuccheri e alle particolari note del bouquet olfattivo.

Di un giallo dorato intenso brillante con sfumature ambra, al naso note speziate di vaniglia, zafferano, acacia, marmellata di limoni e albicocca. In bocca è vellutato e persistente, forse un pochino untuoso, con sentori citrini stemprati dal miele e un tocco di banana. Si può definire un Sauternes di nuova generazione, che fa in barrique “solo” 18 mesi e questo aumenta sicuramente la sua freschezza e la sua longevità.

Che dire… se hai bisogno di meditare sulla tua vita e hai bisogno di dolcezza questo abbinamento è una coccola deliziosa. Se poi, come me, puoi goderne in riva al lago, mentre fai una pausa dal lavoro che ti appaga e ti rende felice sei la persona più fortunata del mondo. A prescindere da quante cose brutte ti possono capitare nella vita… chi ti vuole bene davvero non ti abbandonerà mai.

A presto,

Chiara

Hai già scaricato l'estratto gratuito della mia Guida Vini Spumanti 500 bolle in 500?

Iscriviti alla mia Newsletter per ricevere sulla tua mail tutte le degustazioni delle migliori bollicine dell'Alto Adige!

Ti ho inviato una mail di conferma! Se non l'hai ricevuta controlla per favore anche nella posta indesiderata! Da lì potrai scaricare l'estratto della mia Guida Vini Spumanti 500 bolle in 500 Ed. 2018!

Shares
Share This